Home > Magazine > Talking Peace > APPELLO DEL SINDACO DI DIYARBAKIR, OSMAN BAYDEMIR

APPELLO DEL SINDACO DI DIYARBAKIR, OSMAN BAYDEMIR

Caro/Cara Onorevole,
vorrei richiamare la sua attenzione sulle pratiche anti-democratiche ed illegali, e sulle operazioni che sistematicamente sono in corso nei confronti dei governi e degli amministratori locali della regione dell’est e del sud-est dell’Anatolia in Turchia. Il 14 aprile 2009, con il lancio delle operazioni contro i membri e gli amministratori del DTP (Partito della società democratica), più di cento persone sono state arrestate e messe sotto custodia. La stessa situazione è proseguita ad intervalli, culminando lo scorso 11 settembre con una vasta operazione durante la quale 19 amministratori sono stati fermati e 10 di loro sono stati arrestati. L’11 dicembre 2009 il DTP per una decisione politica è stato chiuso.Di nuovo, questa mattina 24 dicembre 2009 sono state effettuate delle operazioni contro le municipalità appartenenti all’ex DTP e al nuovo Partito per la pace e la democrazia (BDP) simultaneamente a Diyarbakir, Siirt, Sanliurfa, Mardin, Sirnak e Batman, dove fra le 81 persone messe in stato di fermo ci sono 9 sindaci eletti democraticamente a rappresentare la popolazione.
I nomi degli amministratori sono Selim Sadak, Sindaco del comune di Siirt; Necdet Atalay, Sindaco del comune di Batman; Zülküf Karatekin, Sindaco del comune di Kayapinar; Ethem Sahin, Sindaco del comune di Suruç; Leyla Güven, Sindaca del comune di Viransehir; Ahmet Cengiz, Sindaco del comune di Çinar; Aydin Budak, Sindaco del comune di Cizre; Ferhan Türk, Sindaco del comune di Kiziltepe; Abdullah Demirbas, Sindaco del comune di Sur; Hüseyin Kalkan, ex sindaco del comune di Batman; Emrullah Cin, ex sindaco del comune di Viransehir; Fikret Kaya, ex sindaco del Comune di Silvan; Firat Anli, ex sindaco del comune di Yenisehir; Yasar Sari, sindacalista DISK; Ali Simsek, vice-sindaco dell’area metropolitana di Diyarbakir.
Gli arresti praticati con forza da parte della polizia, e le pratiche ingiuste che i nostri amministratori locali stanno subendo, ignorando completamente la legge, ci preoccupano profondamente. Sono convinto che l’opinione pubblica internazionale e le organizzazioni internazionali delle autorità locali non dovrebbero rimanere in silenzio e insensibili nei confronti del processo anti-democratico ancora esistente in Turchia.
Per questa ragione, faccio richiesta al Parlamento europeo di dimostrare la propria sensibilità rispetto a questa situazione e di reagire prontamente inviando urgentemente una delegazione in Turchia per poter investigare e verificare la situazione e quindi presentare un richiamo al Governo turco nei confronti delle pressioni poste in essere a scapito delle nostre municipalità.
Sinceramente,
Osman Baydemir
Sindaco dell’area metropolitana di Diyarbakir
Presidente dell’Unione delle Municipalità della Regione dell’Anatolia del sud-est
24 dicembre 2009

You may also like
UK actress Maxine Peake sent message to World Day Rally in Amed
Sinn Féin MEP Anderson condemns Turkish trustees decision
Suspended HDP co-mayor call for international support
HDP executives: We won’t accept this coup!

Leave a Reply

English version free download

Share This